Mag 25, 2016

Posted | 2 Comments

LUNEDI’ 17 ORE 17,00 – del G.F. EIKON, Torino

LUNEDI’ 17 ORE 17,00  – del G.F. EIKON, Torino

Laboratorio di Circolo

Il lavoro “Lunedì 17 ore 17,00” , è il risultato di un esperimento che si inserisce nel progetto “Storytelling”, filo conduttore delle attività del 2016 del  gruppo fotografico EIKON di Torino.

L’idea originaria era quella di fare scattare una fotografia, da ogni socio interessato al progetto, un determinato giorno ad una determinata ora. La foto avrebbe dovuto congelare un momento che necessariamente sarebbe stato diverso per ogni partecipante all’esperimento. Le immagini ottenute sarebbero poi state valutate collegialmente per ricercare un’eventuale possibilità di costruire una storia che legasse tutte le fotografie. Un processo inverso quindi: partire dalle immagini per arrivare ad una storia.

Ho potuto notare che, stranamente, quasi tutte le foto erano caratterizzate dalla quasi totale assenza di persone e da un senso di vuoto comune. Mi è balenata quindi l’idea di costruire il racconto di un’ipotetica catastrofe (nucleare? naturale?), che avrebbe costretto le persone ad una precipitosa fuga verso un punto di salvezza e di aggregazione, lontano dal centro abitato. Non tutti purtroppo sarebbero riusciti a raggiungere la salvezza e alcuni sarebbero stati costretti a rimanere chiusi in casa, in solitudine, con il solo ricordo delle persone care, una foto, un file sul pc.

E’ stato necessario soltanto un leggero lavoro di postproduzione per uniformare la tonalità delle fotografie: sicuramente è stato un esperimento con tutti i limiti del caso, ma a mio parere molto interessante e creativo.

Un ringraziamento a tutti i soci del gruppo fotografico EIKON che hanno partecipato allo stimolante progetto.

Massimo Pascutti

LUNEDI’ 17 ORE 17,00 – del G.F. EIKON, Torino

a cura di Massimo Pascutti

 

  1. Il Direttore says:

    Con “Lunedì 17 ore 17,00 “ del Circolo EIKON apriamo la pubblicazione delle esperienze di “Laboratorio di Circolo” .
    Il Laboratorio è una delle esperienze più formative e aggreganti che un Circolo fotografico può intraprendere nella propria attività.
    Si può iniziare con un’esperienza a “Tema libero” poi si capirà il valore del “Tema dato”.
    Il Tema libero è quello che tutti i Circoli praticano quando fanno una collettiva dei soci. In questa mostra viene data evidenza alle ricerche di ogni singolo socio in materia tematica e di ricerca poetica – stilistica.
    Il Tema dato è un’esperienza dove la forza creativa di ogni singolo socio viene ad essere maggiormente evidente con la soddisfazione di dare il proprio contributo al risultato corale a fianco di quanto prodotto dagli altri soci; si entra in quell’importante processo creativo che ho cercato di raccontare nel post:
    http://www.fiaf.net/agoradicult/2016/05/15/foto-carpi-2016-1-tappa-tematica-il-silenzio/
    Il laboratorio del G.F. EIKON coordinato da Massimo Pascutti è molto intrigante per il dispositivo concettuale che lo anima che impone solo il momento dello scatto.
    Le immagini con la loro diversità ci parlano della singolarità di ogni vita e dell’importanza di raccoglierne i messaggi più immediati. Una concettualità questa che colpisce per la semplicità operativa e per la potenza che la fotografia manifesta nel rappresentare il vissuto del fotografo.
    Complimenti al Circolo EIKON e a Massimo Pascutti per l’interessante attività laboratoriale.

  2. Isabella Th says:

    Lavorare in laboratorio, con un gruppo affiatato, seguendo una traccia, un tema, appunto, è il modo migliore per capire e approfondire il linguaggio fotografico.
    L’esempio mostrato ne è la riprova; da un tema legato al quotidiano si è sviluppato, grazie alla creatività congiunta di un gruppo, un tema che esula totalmente dell’iniziale percorso, che si trasforma in una nuova storia.
    Una dimostrazione di quanto sia importante non abbandonare mai il desiderio di sperimentare e mettersi alla prova.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.