Advertisement
Apr 1, 2018

Posted | 0 Comments

PAUSA PASQUALE 2018

PAUSA PASQUALE 2018

.

 

.

 

.

 

.

 

Luigi Poiaghi, da “Ombre” (2012)

 

PAUSA PASQUALE

2018

L’atmosfera pasquale può offrire degli spunti di riflessione interessanti anche al di fuori del contesto religioso.
La Pasqua, nelle cose, presenta un sepolcro aperto e un sudario che ha perso la Sacra Salma che avvolgeva.

Il dramma della Pasqua è il senso della perdita irrimediabile. Un dramma che ogni uomo ritorna a sentire, quando scompare un proprio caro.
La Pasqua ha portato alla coscienza umana un sentimento inesprimibile senza una narrazione che lo spiega: l’incolmabile assenza.

Quest’anno è l’immagine di Luigi Poiaghi che prendo come messaggio pasquale, per l’essenziale metafora che sprigiona con suoi segni e simboli:
La superficie ruvida e fratturata di un muro bianco ci parla dell’usura esistenziale; l’acqua pura , simbolo della vita, prende la forma del vaso e la trama della corda  che lo regge; la luce rivelatrice sottolinea l’esistenza con l’ombra che apre una nuova narrazione; le parole scritte sul muro rimandano all’impossibilità di comprendere il mistero dell’esistenza.

Luigi è stato artista sensibile, pittore e scultore, che si è espresso anche con la fotografia realizzando immagini nel suo atelier, purtroppo il 4 luglio del 2017 è deceduto a settant’anni.
Quest’immagine fa parte di ciò che resta di Lui. Oggi , vista dopo la fine della sua vita essa è Pasquale: rappresenta il Mistero e ci chiama a viverlo nelle sue profondità insondabili.

Buona Pasqua

 

Silvano Bicocchi
Direttore del Dipartimento Cultura FIAF

 

p.s.
Chi vorrà accompagnarmi pubblicando una propria fotografia può inviarla al seguente indirizzo:

Indirizzo-Email (pdf scaricabile)

 

Compagni di strada

 

Gabriele Bartoli, Venerdi Santo a Correggio (RE)

 

                                                                                          Gigi Montali, Pioppeto

                                                                                          Giancarla Lorenzini

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.