Advertisement
Mag 14, 2018

Posted | 0 Comments

Canon Ambassador: gli obiettivi irrinunciabili

Canon Ambassador: gli obiettivi irrinunciabili

I migliori fotografi professionisti del mondo svelano come scattare immagini meravigliose usando gli obiettivi Canon

 

 

 

Ogni fotografo ha un obiettivo a cui non rinuncia mai. Per qualsiasi tipo di fotografia, da quella naturalistica a quella sportiva, passando per i ritratti, la qualità e l’affidabilità dell’obiettivo è semplicemente fondamentale.

Sul campo, quando le condizioni possono farsi difficili, i professionisti hanno bisogno di obiettivi affidabili che possano offrire sempre velocità, resistenza alle condizioni climatiche e una messa a fuoco automatica precisa: è questo che fa la differenza tra una foto straordinaria e un’opportunità sprecata. Fotografi professionisti da ogni parte del mondo si affidano agli obiettivi Canon per la loro qualità e affidabilità.

Per chiunque sia informato sulla produzione degli obiettivi, questa non è certo una sorpresa. Robot che sembrano usciti da film di fantascienza, ingegneri che controllano i difetti, scarpe antistatiche: la fabbrica di obiettivi Canon di Utsunomiya è sinonimo di precisione e innovazione. Gli obiettivi Canon serie L sono noti in tutto il mondo per la struttura di qualità professionale e per i risultati eccezionali, ma produrre obiettivi così non è semplice: occorrono altissimi livelli di artigianato, attenzione al dettaglio e alcune procedure sorprendenti, tra cui calibrazione e test manuali di ogni obiettivo 16-35mm della serie L, non solo di alcuni campioni. Solo così possiamo garantire che ogni ottica soddisfi gli alti standard che ci si aspetta da questa linea di alta qualità.

In questo articolo, i migliori fotografi del mondo ci parlano di come lo straordinario processo che sta dietro a ogni obiettivo li aiuti a raccontare le loro storie.

Alessandra Meniconzi – Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM

Foto scattata con Canon EOS 5D Mark IV, obiettivo Canon EF 100mm f/2.8L Marco IS USM a 1/60 sec; f/6.3; ISO100 © Alessandra Meniconzi

Prendiamo questo profilo di un cacciatore mongolo con la sua aquila da caccia, scattato dalla fotografa documentarista e Canon Ambassador Alessandra Meniconzi. Alessandra voleva fotografare questi cacciatori da più di 18 anni: era rimasta affascinata dalle loro tecniche di caccia quando ne aveva incontrati alcuni in Kazakistan alla fine degli anni ’90. Nell’ottobre del 2017 è andata sui monti Altai, in Mongolia, a realizzare il suo sogno.

“L’obiettivo Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM è perfetto per rendere le espressioni del viso, e l’apertura f/2.8 garantisce un’ottima profondità di campo” ci spiega. “In più è leggero, comodo, e poiché è stato creato per cogliere i dettagli più piccoli, le immagini hanno una nitidezza straordinaria! Ti permette anche di avvicinarti al soggetto”.

David Noton – Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM

Foto scattata con Canon EOS 5D Mark IV, obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM a 120 sec; f/2.8; ISO12800 © David Noton

Un altro fotografo che sfrutta al massimo gli obiettivi Canon è David Noton, Canon Ambassador. David ha scattato questa foto di Durdle Door (Dorset, Inghilterra) quando il centro galattico della via lattea (la parte più brillante) era visibile. Fotografare il cielo notturno vuol dire catturare quanta più luce stellare possibile, con un’esposizione inferiore ai 20 secondi. Per questo tipo di fotografia, la qualità dell’obiettivo è un requisito imprescindibile: più è ampio e luminoso meglio è” ci dice David.

Avevo già provato l’obiettivo EF 16-35mm f/2.8L III USM, ed ero rimasto colpito dalle sue prestazioni, mantenendo la massima qualità anche ai bordi sia alla massima apertura f/2.8, sia con la lunghezza focale più grandangolare. Ora questo obiettivo serie L mi segue praticamente ovunque. Avevo pensato a una composizione che potesse armonizzare l’arco della via lattea con la distesa della spiaggia e Durdle Door. Dopo aver impostato l’obiettivo a una lunghezza focale pari a 16mm e apertura f/2.8, ho creato la composizione, impostato il fuoco sulle luci lontane, zoomato sul Live View per verificare l’accuratezza e bloccato la messa a fuoco passando in modalità Manuale. Una volta definite le impostazioni, verificato che tutto fosse corretto e rifinito la composizione, dovevo solo aspettare il momento magico”.

Guia Besana – Canon EF 40mm f/2.8 STM

Foto scattata con Canon EOS 5DS R, obiettivo Canon EF 40mm f/2.8 STM a 1/125 sec; f/5.6; ISO800 © Guia Besana

Guia Besana, Canon Ambassador, ha scattato questa foto durante il viaggio per Longyearbyen, Svalbard, Norvegia, il 15 febbraio 2018. “Stavo andando verso la macchina dopo una camminata durata cinque ore, quando, all’improvviso, mi sono girata a guardare il mare e ho visto questo capriolo artico che mi guardava” dice Guia. “Era nel mezzo del nulla ed era circondato da una luce molto delicata. L’obiettivo Canon EF 40mm f/2.8 STM è perfetto per scattare foto del genere. È leggero, versatile e silenzioso. È uno di quegli obiettivi che fanno sembrare tutto così compatto che non metti più la macchina fotografica nello zaino, così non ti perdi mai uno scatto. Inoltre, reagisce molto bene in condizioni di scarsa luminosità”.

Christian Ziegler – Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM

Foto scattata con Canon EOS-1D X Mark II, obiettivo Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM e Canon Extender EF 1.4x III a 1/160 sec; f/8; ISO4000 © Christian Ziegler

Christian Ziegler, Canon Ambassador, ha scattato questa meravigliosa foto mentre camminava nella foresta pluviale, a Panama, quando all’improvviso è comparso un gruppo di scimmie cappuccine (Cebus capucinus). “Era una madre che seguiva i suoi cuccioli in fila indiana. Ho avuto solo qualche secondo per scattare prima che sparissero” ci racconta Christian. “Ho portato con me l’obiettivo Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM perché è leggero ma molto potente. Cammino molto quando fotografo animali, e la giungla è talmente calda e umida che è meglio non portare troppi strumenti pesanti o ingombranti”.

Audun Rikardsen – Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM

Foto scattata con Canon EOS 5D Mark III, obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM a 1/640 sec; f/2.8; ISO1600 © Audun Rikardsen

Audun Rikardsen, fotografo norvegese e Canon Ambassador, ci spiega che gli obiettivi Canon serie L lo aiutano a raccontare la maestosità della natura. Nelle sue foto ci parla delle balene durante la notte polare norvegese. Negli ultimi anni, in inverno, centinaia di megattere hanno raggiunto Tromsø, in Norvegia del nord, per cibarsi delle aringhe che migrano qui d’inverno” ci dice Audun.

“Arrivano durante la notte polare, quando non c’è sole all’orizzonte e le condizioni climatiche e l’illuminazione non sono il massimo. “L’obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM è quello che preferisco per fotografare le balene in questo periodo: è robusto, ha un’apertura ampia e una messa a fuoco accurata anche in condizioni di scarsa luminosità. Non tradisce mai, neanche nelle situazioni più difficili”.

Clive Booth – Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM

Foto scattata con Canon EOS-1D X, obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM a 1/250 sec; f/4; ISO32000 © Clive Booth

Per Clive Booth, Canon Ambassador, uno dei principali vantaggi degli obiettivi Canon serie L è la straordinaria nitidezza dell’immagine. Volevo fotografare una mucca delle Highlands in modo diverso. Un giorno, mentre tornavo a casa dopo una sessione fotografica di un giorno sull’Isola di Islay, nelle Ebridi interne, in Scozia, mi sono trovato davanti lui. Era un tardo pomeriggio di febbraio, e il bovino era illuminato da dietro su uno sfondo neutro. Adoro i dettagli di questa foto. È stata scattata a f/4 e ISO32000: si riesce a vedere ogni singolo pelo, fino all’attaccatura delle corna. Grazie alla sua nitidezza e versatilità, allo stabilizzatore d’immagine e alla semplicità con la quale può essere trasportato, l’obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM è sempre nel mio zaino, ovunque vada”. “L’ampia apertura, l’ottica eccellente e il bokeh superiore rendono questo obiettivo il mio preferito per scattare quando c’è poca luce e ho bisogno di un buoningrandimento. Anche dopo il ritaglio, i file rimangono nitidissimi da un bordo all’altro”.

Scopri di più sugli obiettivi serie L usati dai migliori fotografi del mondo
Clicca qui

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.