Il gioco delle somiglianze familiari

Il gioco delle somiglianze familiari

Una delle frasi di circostanza quando si incontrano amici con pargolo è la fatidica “somiglia tutto/a a mammà/papà!”. E il gioco delle somiglianze, vere o presunte, è protagonista anche di numerosi lavori fotografici, come questo “DNA” di Maria Aloisi.

Realizzato con uno smartphone, “DNA” mette a confronto i tratti somatici di persone di gradi diversi di parentela, estendendosi così ad una sorta di ricerca genealogica.

Fra i numerosi altri lavori che utilizzano questa forma di collage, ne segnalo uno dalla diversa concettualità, “Marriage” di John Stezaker, nel quale l’Autore si appropria delle immagini trovate in libri, riviste e cartoline usandoli come “readymades”. I volti uniti sono quelli di star famose dell’epoca d’oro di Hollywood, e quindi molto riconoscibili da un pubblico ampio, lasciando a ciascuno libertà d’interpretare il senso del progetto, fra la metafora dell’inconciliabilità dei caratteri, e l’ironia sul gioco delle somiglianze.

A volte gli indizi di ogni albero genealogico sono custoditi nei vecchi album di famiglia, come mostra Rachael Rifkin nei suoi autoritratti, simulando le pose, i gesti, i costumi dei suoi familiari ritratti nel tempo, ad iniziare dalla bisnonna materna Fannie.

Sullo stesso tema, ma decisamente più classico, è il lavoro del fotografo tedesco Frauke Theilking, “Generation”, realizzato in studio.

…e chissà in quanti altri modi ancora si può giocare a declinare questo stesso tema…

Attilio Lauria

Tutte le foto © Maria Aloisi, © John Stezaker, © Rachael Rifkin, © Frauke Theilking

Una Risposta a “Il gioco delle somiglianze familiari”

  1. Interessante il confronto familiare. Una bella idea che si potrebbe sviluppare in molti altri modi. Un giusto stimolo per affrontare il tema che ci siamo prefissati che lascia ampio spazio alla fantasia di ognuno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.