leader

Testimonianze di Passione Italia – Attilio Lauria di Paola (CS)

0 commenti
Testimonianze di Passione Italia – Attilio Lauria di Paola (CS)

“Come l’acqua, il gas, la corrente elettrica giungono da lontano nelle nostre case per rispondere ai nostri bisogni con uno sforzo quasi nullo, così saremo alimentati da immagini visive o uditive, che appariranno o spariranno al minimo gesto, quasi a un cenno”: è quanto scriveva Paul Valéry nel 1931, teorizzando una società caratterizzata dalla possibilità di una “distribuzione della realtà sensibile a domicilio”. Una possibilità già realizzatasi con la televisione, e che si rinnova ora con il web, come intende mostrare “Webcam Italia – una giornata italiana online”, che utilizza la rete quale medium aggregatore di una immensa e capillare rete di terminali video-fotografici, prelevando singoli frames da webcams scelte fra le migliaia presenti sul territorio italiano. Se il fermo immagine fotografico mutua la propria funzione ‘testimoniale’ dalle motivazioni che presiedono all’istallazione stessa della webcam (controllo di sicurezza, rilevamento meteo, promozione turistica, ecc.), la successiva operazione di scelta e messa in relazione conferisce agli snapshots una nuova e diversa funzione – stavolta narrativa – rispetto a quella originaria. Questo primo livello di senso fa riferimento alla funzione della fotografia rispetto ai diversi ambiti di fruizione in generale, e al contenuto delle scelte autoriali relative ad ogni progetto fotografico in particolare, per cui “l’atto cosciente della scelta e dell’organizzazione di un materiale – secondo quanto rileva Umberto Eco – è già atto che assolve pienamente il principio dell’intenzionalità formativa richiesta dal processo artistico”. “Webcam Italia” rivela poi un’indubbia carica provocatoria che esaspera il concetto di inconscio tecnologico, e che chiama in causa riflessioni di altro genere: sul valore di ready made della fotografia ad esempio, o sull’hic et nunc della fotografia nell’epoca digitale: tra l’essere stato e il non essere stato, potremmo anche inserire la categoria dell’essere stato a distanza.

Attilio Lauria

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>