L’Europa di Luca Nizzoli Toetti

“L’Europa di Luca Nizzoli Toetti” è la mostra che si terrà a Campobasso dal 24 marzo all’8 aprile 2018 negli spazi di Galleria Spazio Immagine di vico Persichillo, 1 a Campobasso.
La giornata del 24 marzo 2018, organizzata dall’associazione culturale Centro per la Fotografia Campobasso Vivian Maier, inizierà con l’incontro delle 17:30 presso la sala Vitale (sede CISL) in via Ziccardi 10 che introdurrà il pubblico alla mostra fotografica che inaugurerà a seguire (ore 19:00) presso la Galleria Spazio Immagine. L’incontro vedrà il fotografo Luca Nizzoli Toetti confrontarsi con Maurizio Garofalo photoeditor e critico di fotografia e sarà occasione per presentare i due libri da cui sono tratte le fotografie della mostra, editi da Postcart edizioni, “Almost Europe” del 2013 e “Still Europe” del 2017. A seguire, dalle 19:00, l’inaugurazione della mostra “L’Europa di Luca Nizzoli Toetti” nella Galleria Spazio Immagine di Campobasso in vico Persichillo 1.
Tre le serie di fotografie in mostra a cura di Massimo Di Nonno: la prima, di 24 fotografie tratte dalla pubblicazione “Almost Europe” (Postcart 2013), è una esplorazione oltre la “cortina blu” dell’UE, da Kaliningrad a Istanbul, attraverso Minsk, Kiev, Chisinau, Odessa. Non solo uno sguardo al di là di un confine geografico ma anche temporale, varcato il quale si torna indietro nel tempo, verso un passato dimenticato. Come scrive Sergio Romano, il cui testo con la prefazione di Mario Dondero arricchisce la pubblicazione:”… i quarant’anni passati all’ombra della Russia Sovietica hanno lasciato il loro segno sulla vita quotidiana, sulle case, sulle vie, sui vestiti, sui comportamenti personali. Nell’”altra Europa” il socialismo reale è morto, ma il suo stile non è ancora interamente scomparso.”
La seconda serie consiste in 18 fotografie tratte dal libro “STILL EUROPE” (Postcart 2017), il secondo volume della trilogia sull’Europa di LNT, un viaggio alla riscoperta dell’Europa, alla ricerca del minimo comune denominatore che definisce il Vecchio Continente. “Still Europe” con testi di Francesco Acerbis e di Zygmunt Bauman, consta di 128 fotografie che ci accompagnano nella straordinaria normalità di un’Europa fatta prima di tutto di persone che si muovono, si incontrano, dialogano e imparano a conoscersi.
“L’uniformità e il vuoto culturale. E contro tali due orchi che è necessario dichiarare e condurre in maniera netta una guerra all’ultimo sangue, per salvare la “ricchezza della differenza” che caratterizza tutto quanto c’è di importante nella cultura umana”. Zygmunt Bauman
La terza serie è “L’Italia dal treno”, 27 fotografie in formato cartolina che raccontano il panorama italiano in un viaggio ferroviario sulla direttrice Nord_Sud, dal Brennero a Pozzallo.
Completa l’esposizione il video “L’Europa vista dal treno” con i paesaggi fotografati da Nizzoli Toetti durante i suoi viaggi in treno attraverso il vecchio continente.
La ricerca di Luca Nizzoli Toetti è un lavoro di cammino e fotografia, alla scoperta dell’Europa, degli europei, attraverso i gesti e i percorsi della quotidianità che si sviluppa attraverso l’eterogeneo tessuto sociale, culturale e urbano del vecchio continente. Un approfondimento documentario sull’Europa, lungo percorsi che ne attraversano o ne tangono il territorio. Un progetto che vuole stimolare un confronto costruttivo, una riflessione sull’evoluzione delle relazioni tra i luoghi e i loro abitanti.
Orari apertra
Dal Lunedi al Venerdì dalle 17:00 alle 20:30
Sabato e Domeniva dalle 10:00 alle 13:30 e dalle 6:30 alle 20:30

Contatti: Massimo Di Nonno, +39 3403407910, cfcvivianmaier@gmail.com,
Facebook: Centro per la Fotografia Vivian Maier @centrofotografiavivianmaier.

https://www.facebook.com/events/1609617605759423/

Luca Nizzoli Toetti, da Venezia.
Fotografo, docente e musicista.
Più di 20 anni di carriera tra pubblicazioni su quotidiani e magazines, mostre, partecipazioni a festival, incontri pubblici e qualche riconoscimento.
Dalla strage di via Palestro alla nascita dell’Euro, nel corso degli anni pubblica sui maggiori quotidiani italiani centinaia di fotografie documentando i principali avvenimenti di cronaca e attualità politica ed economica.
Collabora in maniera assidua con alcune riviste, producendo reportage, come L’Espresso, ioDonna, Internazionale.Per Vanity Fair ritrae più di trenta fra i più celebri autori italiani per “Scrittori in corso”, rubrica curata da Caterina Soffici: grazie a questa commissione ha la fortuna di incontrare Alda Merini, Nanda Pivano, Vincenzo Cerami e altri grandi scrittori e poeti del 900.E’ direttore artistico dell’Independent Foto Festival di Ivrea nel 2010 e 2011, in cui chiama i migliori colleghi ed esperti italiani di fotografia a confrontarsi sull’attualità della professione.Fra le tante ospita la mostra in ricordo di Marco Pesaresi, autore che ha profondamente segnato l’ispirazione di Luca nell’approccio al lavoro.
Come teatro per la sua ricerca fotografica sceglie l’Europa, la sua visione autoriale gli vale il premio Bruce Chatwin per i grandi viaggiatori nel 2010 e viene elogiata sia dal maestro Gianni Berengo Gardin che riconosce in Luca il suo “erede”, che da Claudio Magris che definisce il progetto “almost Europe” come “…bellissimo, un’immagine concreta, struggente, errabonda di ciò che è e non è l’Europa”.
Il libro “almost Europe”, opera prima edita da Postcart nel 2013, forte di 55 foto di classico, puro bianco e nero, realizzate tra Kaliningrad e Istanbul durante un viaggio di alcuni mesi tra Russia, Bielorussia, Ucraina, Moldova e Transnistria, con testi di Mario Dondero e Sergio Romano, è un successo di critica e pubblico e risulta (quasi) esaurito. Premio Bastianelli (miglior libro di fotografia italiano opera prima) 2014, nomination per World best book a PhotoEspana, selezionato per la mostra “TIP–the italian photobook, Best Italian book 2000/2014” curata da MiCamera.
Nel 2017 sempre da Postcart pubblica Still Europe, con testi di Francesco Acerbis e Zygmunt Bauman, secondo capitolo della trilogia sull’Europa, ricerca che lo vede impegnato ormai da alcuni anni.
Fedele alla sua indole, Luca, è sempre in viaggio.
https://www.lucanizzolitoetti.com/

luca nizzoli toetti cfc i