DECADI

Decadi, fotografia italiana dal neorealismo a Viaggio in Italia

Domenica 19 maggio 2019 dalle ore 18:00 alle 19:00
presso il MuDi – Museo Diocesano di Arte Sacra
Vico I Seminario, 74123 Taranto, Italy 
Seminario di Carlo Garzia

La lectio di Carlo Garzia prosegue l’aspetto formativo e didattico di Fotoarte.
La conferenza sarà preceduta da una breve premessa di ordine teorico in cui ,in modo solo apparentemente contraddittorio, si decostruirà il modello annalistico delle “ decadi ” con la sua organizzazione di un tempo storico lineare per poi poterlo utilizzare criticamente solo come semplificazione didattica,come sospensione del giudizio e messa a dimora dell’oggetto trattato,

Si cercherà anche di definire in modo corretto il termine “neorealismo “ per avviare un percorso di immagini che parte da autori come Donzelli e Cammisa recentemente rivalutati, verificare l’impatto dei circoli amatoriali soprattutto veneti e di un un lavoro come “ Un paese “ di Strand-Zavattini,la diversa visione di Cavalli e dii Monti,la vita della rivista Ferrania per approdare al l dirimente congresso di Verbania e i suoi celebri ovini .

Gli anni ’70, preceduti dalla contestazione del ’68,vedono la diversità di due linguaggi, quello del reportage anche politico,Bonasia,D’Amico, Cagnoni, D’Alessandro e la fondamentale svolta delle “ Verifiche” di Mulas ìn cui uso del “fotografico” passa dal documento alla “idea”,al progetto.

La decade successiva ,quella degli anni 80 vede l’affermarsi di una nuova generazione, più vicina ai temi dell’architettura ma anche della letteratura e del cinema,Celati e Handke soprattutto, generazione che troverà nell’opera e nella riflessione di Ghirri un elemento di raccordo e un riferimento culminati nel progetto fondante di “ Viaggio in Italia “‘ del 1984.

Da allora molto è cambiato e molti hanno cercato di ripetere e superare quel progetto, in genere con risultati spesso discutibili, ma questo potrebbe essere il tema di una verifica e di una discussione finali.

L’incontro è a ingresso libero

 

FFFFFF