Coni di luce, Vietnam, il “nón lá” di Lello Fargione

Mostra galleria Fiaf ad Augusta Photo Freelance dal 28.09.2018 al 07.10.2018VI1_0462

VI1_9731

VI1_9749-Modifica-2

VI1_9814

VI1_9826

Il Vietnam si rivela tra coni di luce e cerchi sparsi come foglie di loto. Ogni angolo sembra proteggere la circostanza di un gesto compiuto fra queste due forme che disegnano profili di vita quotidiana. Sono più spesso le donne che con grande naturalezza compongono scene complesse di cerchi intersecati dalla necessità dell’esposizione e dalla disponibilità dello spazio. È un mondo colorato dove, tuttavia, domina una luce che staglia linee precise configurando lo spazio come un diagramma di elementi che potrebbero essere classificati uno per uno. Non v’è alcuna ambiguità, nessuno sfumato, ogni cosa pare essere sempre stata li in un ordine che sa di verità e così gli esseri che popolano queste immagini non potrebbero essere più integrati nel loro quadro esistenziale.
Le ombre sono l’altra chiave di lettura per leggere ciò che viene appena evocato dal contrasto delle forme. S’intende un altrove privato anche negli gli spazi fra le ceste di plastica dove la rappresentazione quotidiana ha luogo. È la stessa riserva d’identità personale che si trova fra gli ampi copricapo conici e la luce del giorno sul viso: il luogo dell’anima non offerto al pubblico.
Vale la pena per il viaggiatore soffermarsi fra questi interstizi se si desidera un’impressione più autentica di quel mondo, vale la pena mettersi in ombra per capire.