“Luce” – mostra fotografica di Fabrizio Giusti

luce

Inaugurazione mostra lunedì 27 ottobre 2014 ore 18.00

Fabrizio Giusti

Socio del Fotoclub Immagine di Merano dal 1993 e presidente dello stesso dal 2008, Fabrizio Giusti si occupa di fotografia nei suoi vari generi, spaziando tra diverse tecniche e tendenze. Spinto dalla necessità di raggiungere nuove consapevolezze lavora da diversi anni nell’ottica della fotografia a progetto; questo gli ha permesso di delineare una poetica precisa che si riflette su ogni singolo scatto e creando così un Leitmotiv personale. Grazie a vari riconoscimenti e soddisfazioni nell’ambito fotografico e organizzativo, dal 2011 ricopre l’incarico di delegato regionale FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) per il Trentino Alto Adige.

Luce”

Il progetto nasce da una passione in comune: la fotografia. L’idea di documentare e raccontare un momento di vita così delicato è nato dal bisogno di distaccarsi e prendere le distanze da questo vortice di emozioni. La fotografia è stato il pretesto per uscire dagli stressanti ritmi della terapia, che non hanno coinvolto solo la diretta interessata ma tutti coloro che le sono stati accanto. Quasi un gioco, un modo per prendere con più leggerezza la drammaticità della situazione. E’ una terapia per chi si mette in posa e per chi osservava dall’altra parte dell’obbiettivo: capire cosa sta succedendo, entrare in profondità nelle dinamiche psicologiche che si attivavano tra malato e malattia, tra la malattia e famigliari, ha permesso di scogliere un poco alla volta le paure di un risvolto incerto. Non facile farsi fotografare e mettersi a nudo come un albero senza foglie, temendo il giudizio e l’imbarazzo; non facile fotografare per paura di varcare quel confine labile tra dignità e spregiudicatezza.

La mostra fotografica non documenta soltanto gli eventi reali come la terapia farmacologica: entra in profondità, scavando nelle viscere della lotta psicologica e dei sentimenti, rivela l’amore per la vita. E quale metafora migliore del pugilato? Questo duello contro un’ombra oscura, la vittoria e la rinascita a nuova vita? Vittoria che permette di risorgere dalle proprie ceneri e osservare la vita da un punto più alto, più cosciente. E un ringraziamento finale a quella luce che inconsapevolmente ha illuminato la via della guarigione.

Fotografia dopo fotografia, Fabrizio ha saputo trattare il tema della malattia con grande delicatezza e affetto, portando tra le sfumature del bianco e nero la luce e l’intensità di quei momenti.

Luce è il sorriso, la voglia di vivere, la serenità oltre il dolore che ci travolge. Luce è l’amore per la vita, la necessità di avere fiducia in qualcosa che non è palpabile. Luce è a presenza costante di una mano amica, dell’abbraccio concesso con sincero affetto e non o senso del dovere.

Luce è speranza di donare un piccolo sostegno a coloro che si lasciano raggiungere nell’intimità da questo breve racconto di immagini.