Condividi

Una foto per Castelluccio

Quando la fotografia diventa filantropia

di Elena Melloni

 

Quella che stiamo per raccontare è una di quelle storie che riempiono di orgoglio tutti, soprattutto chi – come i protagonisti – è un fotografo amatoriale.

I protagonisti sono i Soci del Circolo fotografico Fotogruppo60 BFI di Reggio Emilia appartenente alla FIAF.

Un gruppo nato nel 2010 dalla fusione di due circoli di nati negli anni ’60, che da oltre 50 anni trovano nella fotografia una passione comune da condividere.

Dopo il terremoto del 30 Ottobre 2016 che ha colpito i Comuni di Norcia e Preci, in Provincia di Perugia e che seguiva quello del 24 Agosto di Amatrice, gli amici di Reggio Emilia si sono messi in moto per dare un contributo alla popolazione terremotata. Consapevoli dei danni fisici e psicologici che un terremoto così devastante può provocare (nel 2012 il terremoto dell’Emilia aveva colpito anche loro) volevano far sentire la loro vicinanza, fare qualcosa di concreto in particolare per gli studenti di Norcia che avevano perso tutto. Decidono quindi di contattare direttamente la direzione dell’istituto scolastico di Norcia, per capire quali erano le esigenze più imminenti e la risposta è presto arriva: materiale informatico.

Da quel momento l’obiettivo era chiaro, occorreva raccogliere fondi.

E’ così che è nata l’idea di una mostra dedicata a Castelluccio di Norcia, paradiso per i fotografi, e mettere in “vendita” sulla base di donazioni spontanee, le foto in mostra. I Soci e amici del gruppo hanno messo a disposizione le loro foto, che sono state stampate per l’esposizione e contemporaneamente sono state prodotte delle cartoline 10×15 cm anch’esse da mettere in vendita. E’ così che comincia la raccolta fondi.

La prima mostra inaugura a Reggio Emilia il 24 Novembre, San Prospero, patrono della città, seguono San Polo d’Enza, Praticello e Pianzo di Casina.

La raccolta fondi procede al di là di ogni aspettativa: tutte le foto vengono vendute e le cartoline esaurite.

Grazie al contributo economico raccolto, gli amici del Fotogruppo60 sono in grado di acquistare: 3 Personal Computer, 14 Tablet e una lavagna magnetica.

Il 27 Maggio scorso, una delegazione composta da una decina di persone del circolo è partita in direzione di Norcia.

In particolare a Battaglia di Norcia, all’istituto Omnicomprensivo De Gasperi, dove ad aspettarli c’erano decine di studenti assieme alla Preside dell’istituto, prof.ssa Rosella Tonti, che ha così ringraziato il Circolo reggiano:

Si ringrazia davvero sentitamente per l’iniziativa da voi realizzata, ovvero la donazione di n. 14 Tablet Trasformer, 1 Lavagna magnetica, 3 PC con Monitor per gli alunni dell’Istituto Omnicomprensivo “De Gasperi-Battaglia” di Norcia. I Tablet da voi generosamente offerti costituiranno parte delle risorse utili ad attivare l’utilizzo dell’E-Book una volta completata l’intera linea informatica. Tale progetto oltre a costituire un passo in avanti della nostra scuola in termini di digitalizzazione, è al momento l’unica modalità di fruizione di alcuni testi scolastici andati irrimediabilmente distrutti durante il sisma del 30 ottobre 2016. Con estrema gratitudine”.

Una storia di solidarietà, volontariato e passione, che ha visto l’operosità emiliana mettere in campo un’azione di così alto valore che rende orgogliosi tutti noi che, a volte, di fotografia ci riempiamo la testa dimenticando il cuore.

foto1

 

foto4

Nelle foto, i soci del Fotogruppo60 “in divisa blu”, a Battaglia di Norcia per consegnare il materiale alla scuola.