Apr 24, 2016

Posted | 3 Comments

NATALIA ELENA MASSI – Talent Scout

NATALIA ELENA MASSI – Talent Scout

TALENT SCOUT

 

Agorà Di Cult sarà il percorso di visibilità dei 17Autori della Sezione Senior e 5 Autori della Sezione Giovani “Segnalati” dalla Commissione selezionatrice del Progetto FIAF “Talent Scout” che riunita il 12/04/2015 ha esaminato le opere pervenute da 87 autori (di cui 18 appartenenti alla sezione GIOVANI e 69 appartenenti alla sezione SENIOR).

Le finalità di questo Progetto sono quelle di dare ai Presidenti di Circolo Affiliato FIAF l’occasione di far conoscere il lavoro di quei soci che, pur distinguendosi per capacità e passione, non hanno mai provato a confrontarsi con la platea nazionale della fotografia italiana. Ogni Presidente ha avuto la possibilità di proporre un socio della categoria GIOVANI (di età inferiore a 30 anni) e un socio della categoria SENIOR (di età superiore a 30 anni).

 

Natalia Elena Massi (Senior) del C.F. LAMBDA di Ghedi (BS)

Autore segnalato al progetto Talent Scout della FIAF.

 

Logo_Talent_Scout_1c05

Natalia Elena Massi è nata a Lucerna (Svizzera) nel 1967. Vive a Mondavio (Pesaro Urbino) fino all’età di 26 anni e poi il lavoro la porta a viaggiare tra Brescia e Torino dove rispettivamente oggi vive e lavora.
Da sempre presenta una naturale propensione per le arti e si interessa a tutto ciò che è attinente a una qualche forma artistica (musica, danza, disegno, fotografia).

Nel 1992 inizia ad avvicinarsi alla fotografia con una macchina analogica Canon e inizia ad immortalare i suoi primi paesaggi e i primi autoritratti. Segue poi un lungo periodo di assenza da mondo fotografico.

Dopo una aver frequentato nel 2011 il corso di fotografia allo IED Istituto Europeo di Design di Torino, la sua passione esplode fino ad occupare tutto il suo tempo libero. Da allora non passa un giorno che non faccia qualcosa che riguardi la fotografia.

Ama indifferentemente sia la fotografia digitale che l’analogica con la quale si diletta a seguire e produrre personalmente tutto il processo di sviluppo del negativo per gestire a pieno il risultato.
Nel 2012 si avvicina al Circolo fotografico Lambda con l’obiettivo di condividere la sua passione con altri fotografi e approfondire gli argomenti relativi alla fotografia e nel 2013 si iscrive all’Associazione FIAF di Fotografia.

Frequenta diversi corsi di aggiornamento tra cui:

  • Seminario di Valutazione della Fotografia Singola
  • Seminario di Lettura e Valutazione del Portfolio.
  • Corsi di Post-produzione
  • MOSTRE

Aprile 2013 a Ghedi presso la saletta della Necropoli Altomedioevale LIGHT AND SMOKE;

Giugno 2013 a Brescia presso Vigasio Store LIGHT AND SMOKE

Gennaio 2014 Mostra soci FIAF Bagnolo (Brescia) LIGHT AND SMOKE

Marzo 2014 a Sarezzo alla manifestazione ONE SHOT LIGHT AND SMOKE

Ottobre 2014 a Brescia presso il Museo Nazionale della Fotografia LIGHT AND SMOKE

Maggio 2014 a Ghedi (Brescia) presso la saletta della Necropoli Altomedioevale AMBIGUITY

Ottobre 2014 Milano – BRERAT la settimana dell’Arte Contemporanea espone 4 opere del progetto AMBIGUITY in una collettiva del Movimento dei CIBARTISTI.

Novembre 2014 Brescia Ambiguity presso Vescovado Cafè Brescia AMBIGUITY
2015 Mostra soci FIaF Bagnolo (Brescia) AMBIGUITY

2015 gennaio – febbraio per Art Regenaration Social Street Corso Mameli Brescia AMBIGUITY

CONCORSI

Ad Agosto 2013 Partecipa al Concorso Sirmione Award 2013 aggiudicandosi il 3° posto nella categoria Ali di Dama.

Ad Ottobre 2013 partecipa al Concorso Nazionale Premio Fotografia Artistica di Brescia ottenendo opera Segnalata

Ad Ottobre 2014 partecipa al Concorso Nazionale Premio Fotografia Artistica di Brescia ottenendo opera Segnalata.

 

Le Opere

 

AMBIGUITY

TUTTO È COME SEMBRA. OPPURE NO.
Reale, surreale, profondo e leggero

Il progetto di Natalia Elena Massi nasce per caso dallo scatto “Un amo- re di drink”. L’ispirazione è venuta dalle labbra quasi naturali che si sono formate nel bicchiere e che ha dato un allure di surreale all’immagine.

E’ maturato allora il pensiero di rappresentare con leggerezza, ironia e divertimento argomenti di carattere sociale e non.
Il filo conduttore dell’intero progetto è il carattere surreale: è ciò che oltrepassa la dimensione della realtà; che offre suggestioni fantastiche, che evoca aspetti profondi della psiche.

L’intento è scuotere il pensiero e gli animi, talvolta con riflessioni pro- fonde, talvolta con leggerezza e ironia.

 

 

Un amore di drink

Un amore di drink

 

 

PREMESSA: ogni oggetto racchiude, al proprio interno, significati diversi, associati o ripresi in contesti o abbinamenti specifici.

OBIETTIVI: l’obiettivo primario di questa mostra è riflettere su temi comuni ma con uno sguardo più leggero e divertente. Avvicinare e sensibilizzare il pub- blico su alcuni aspetti etici con situazioni al limite del divertente e surre- ale.

NOTE TECNICHE
: naturalmente le fotografiche impiegate sono state tutte realizzate da Natalia Elena Massi

TECNICHE COSTRUTTIVE : le opere sono state realizzate sovrappo- nendo diversi scatti fotografici ed elaborati a computer. Quasi tutti gli oggetti sono nature morte ad eccezioni di alcuni casi nei quali sono stati impiegati figure umane o animali.

STAMPA: la stampa è realizzata su carta museale fine art HAHNEMUHLE Photo Rag 188 gr. 100% Cotone con una struttura di superficie liscia. Dimen- sioni 40×60 cm.
Tutte le opere sono montate su Laminil 7 mm e con un passapartout nero dello spessore di 1,8 mm e delle dimensioni di 10 cm per lato tagliato a 45 gradi.
Dimensioni totali delle stampa compreso il passapartout:
Verticali 60×80 cm.
Orizzontali 80×60 cm.

 

 

Libertà di Stampa

Libertà di Stampa

 

Quotidiano amici nemici

Quotidiano amici nemici

 

Flusso di idee

Flusso di idee

 

Mondi ecosostenibili

Mondi eco sostenibili

 

Energia e vita

Energia e vita

 

Ovosistema

Ovo sistema

 

Pere...

Pere…

 

Sigarette al lavoro

Sigarette al lavoro

 

Siga suicidio.

Siga suicidio.

 

Io e lo specchio.

Io e lo specchio.

 

Diete.

Diete.

 

Vero succo di frutta fresco.

Vero succo di frutta fresco.

 

Pausa caffè.

Pausa caffè.

 

NUMERO DELLE OPERE: 
il progetto è ancora aperto, al momento è composto da 14 fotografie già stampate e montate, ma sono già in fase di realizzazione altri soggetti.
 Assieme alle opere possono essere esposti anche parte degli oggetti utilizzati per realizzare gli scatti fotografici.

MISURE : stampa fotografica cm 40×60 con passpartout cm 60×80

  1. Il Direttore says:

    E’ davvero stimolante questo viaggio promosso dal progetto TALENT SCOUT tra i talenti che operano nei Circoli fotografici associati alla FIAF.
    Natalia Elena Massi è socia del Circolo LAMBDA di Ghedi (BS), noto in Agorà Di Cult per l’organizzazione del “Portfolio Tornado” che ha avviato la modalità di lettura in “Face to Face” e che la cui 6° edizione si è svolta lo scorso fine settimana.
    Natalia è già nota ai frequentatori di Agorà Di Cult per la pubblicazione di “Light and smoke” un’opera che metteva in evidenza la sua identità artistica volta a cercare oltre l’evidenza delle cose.
    Con queste immagini di “Ambiguity” piacevolmente ci sorprende mettendo in evidenza la sua vocazione per una fotografia pensata e creativa. Infatti, attraverso la finzione e gli accostamenti significanti, l’autrice realizza “fotografie iconiche”, ovvero immagini che non necessariamente hanno il legame impronta con il reale.
    Sono immagini che spesso parlano con le sole sembianze della realtà per comporre un significato prestabilito. La loro specificità dal punto di vista semiotico è che non hanno un referente ma (come in pittura) compiono il processo di comunicazione mettendo in gioco solo il significante e il significato. In esse ancor prima della tecnica è fondamentale l’idea, perché se la perfezione della realizzazione è assolutamente necessaria, è la forza dell’idea che risveglia in noi l’interesse.
    Complimenti a Natalia Elena Massi per il brillante percorso che sta compiendo che sicuramente la porterà a nuove interessanti creazioni.

  2. Patrizia Digito says:

    Senza dubbio una poliedrica creatrice di idee, tanto semplicemente svelate nel loro breve sottotitolo, quanto ampiamente pensate, a mio avviso, per la loro realizzazione. Dall’insieme del lavoro se ne percepisce l’eleganza, la raffinatezza e la pulizia di esecuzione, in questo modo non si danno adito a dubbi di interpretazione, non appaiono inquinanti ad annebbiare il pensiero.
    Ogni idea si rivela nella sua geniale semplicità.Trovo entusiasmante questo progetto.

  3. Isabella Th says:

    Mi auguro che questo post sia stato visionato anche dai soci di Carpe Diem che partecipano al laboratorio di fotografia creativa e che, durante il primo incontro, sono stati invitati a vedere il post di Natalia.
    L’opera proposta è infatti un buon esempio di come la creatività, espressa con grande consapevolezza tecnica e artistica, produca una serie di messaggi attuali e dall’importante risvolto sociale.
    Sono tanti i suggerimenti che possono essere carpiti in questo lavoro che, al di là del risultato finale, svela una grande impegno progettuale.
    Una bella lezione su come pensare, progettare e realizzare un’idea!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.